6 consigli per pulire correttamente l’olio d’immersione dagli obiettivi

Pulizia lenti microscopio

Gli obiettivi sono l’anima del microscopio, quindi devono essere puliti per garantire prestazioni ottiche adeguate. Ciò nonostante, i ricercatori e i tecnici di laboratorio spesso dimenticano di pulire le loro lenti a immersione e finiscono di avere problemi nella visione.

Oggi forniremo sei suggerimenti per rimuovere correttamente l’olio dall’obiettivo. Continua a leggere per imparare i migliori consigli e tecniche.

1. Pulire l’olio immediatamente dopo averlo usato.

L’olio da immersione secco non è solo difficile da rimuovere da un obiettivo, ma questa sostanza appiccicosa può facilmente intrappolare polvere, sporco, impronte digitali e altre particelle contaminanti. Un piccolo granello di polvere intrappolato può compromettere la qualità dell’immagine e causare errori ottici come ombre o viste sfuocate. Per non parlare che l’olio essiccato a lungo andare può deteriorare l’obiettivo nel tempo.

Per questo motivo, ti consigliamo di rimuovere l’ olio per immersione dai tuoi obiettivi subito dopo averlo usato. L’olio sarà comunque liquido e facile da rimuovere.

Seguendo ogni volta questa buona pratica di laboratorio, si assicura che il microscopio sia pronto per essere utilizzato dal tecnico successivo. Altrimenti, il tecnico potrebbe contaminare inconsapevolmente campioni e altri obiettivi con il residuo di olio. Inoltre, non dovranno passare il tempo a rimuovere l’olio per immersione essiccato e potranno eseguire le loro osservazioni nei tempi previsti.

2. Usare l’oculare per ispezionare l’eventuale residuo sull’obiettivo.

Le lenti degli obiettivi sono piccolissime, quindi può essere difficile vedere i residui e sulla lente frontale. Fortunatamente, abbiamo un trucco per superare questa sfida. Basta rimuovere l’oculare dal microscopio e tenerlo in alto verso l’obiettivo. Ora puoi guardare attraverso l’oculare per ingrandire la lente che devi pulire. 

3. Rimuovere eventuale polvere o sporco con un soffiatore.

Ora che hai ispezionato l’obiettivo, avvia il processo di pulizia. Come primo passo, utilizza un soffiatore per rimuovere polvere o particelle dall’obiettivo senza toccarlo.

4. Piegare un pezzo di cartina per lenti per creare un cono.

Ora prendi un nuovo pezzo di carta per lenti e piegalo per creare un cono. Tieni presente che il modo in cui pieghi la carta per lenti dipende dalle dimensioni dell’obiettivo.

Per obiettivi di grandi dimensioni 2X,4X,10X ti conviene avvolgere la carta per le lenti attorno al dito. Ciò ti consentirà di pulire facilmente l’intera superficie dell’obiettivo. Per obiettivi a maggiore ingrandimento 20X,40X,60X,100X ti conviene avvolgere la cartina in un puntale da pipetta da 10 ul .

Ricorda, usa sempre carta per lenti anziché tessuti o carte da laboratorio. I tessuti e le carte di normale consumo in laboratorio contengono fibre sciolte e ruvide che possono graffiare la superficie dell’obiettivo o rompersi e rimanere sull’obiettivo.

5. Immergere la carta per lenti in un solvente adatto.

Successivamente, immergere la carta per lenti in un solvente adatto in grado di sciogliere l’olio e pulire l’obiettivo senza danneggiarlo. Raccomandiamo alcool miscelato (70 alcool assoluto/30 etere). Assolutamente da evitare Xilene, Toluene o altri prodotti chimici acquistati al supermercato per pulire specchi e vetri.

6. Passare dal centro verso l’esterno a spirale.

Ora prendi la carta per lenti imbevuta e pulisci l’obiettivo dal centro verso l’esterno a spirale. Questa tecnica di pulizia sposta la polvere o lo sporco verso la periferia.

Per controllare il tuo lavoro, usa l’oculare al contrario per cercare eventuali residui. Se rimangono tracce di olio per immersione, piegare e immergere un nuovo pezzo di carta per lenti e pulire di nuovo. Ripetere questi passaggi fino a quando l’obiettivo non è completamente pulito.

L’importanza di mantenere l’obiettivo pulito e privo di olio

Ci rendiamo conto che è facile distrarsi in laboratorio: hai campioni da preparare e incontri a cui partecipare. Ma perdere un minuto dalla tua routine impegnata per eliminare l’olio dagli obiettivi quando hai finito di lavorare al microscopio ti può garantire una buona qualità dell’immagine e prevenire costose sostituzioni delle apparecchiature.

Spero che questa guida ti possa essere d’aiuto.

P.S. Questo articolo è di proprietà del collega Takeo OgamaARTICOLO

Share This!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy